Orietta Ceccoli Orlandoni (a cura di)

Ricerca sulla povertà a San Marino (anno 2018)

La ricerca è stata volutamente circoscritta e non entra nel merito dei contenuti del Welfare State che San Marino ha realizzato per i suoi cittadini e residenti, anche se dobbiamo ricordare che molti beni e servizi pubblici influiscono positivamente sulle condizioni di vita della comunità: ci è sufficiente ricordare la gratuità e la universalità del servizio sanitario e socio-assistenziale, del servizio scolastico-formativo e dei molteplici trasferimenti pubblici a favore dei cittadini.
L’espansione del Welfare-State è stato il risultato della crescita economica che dagli anni ‘60 ha portato maggiore ricchezza e un tenore di vita più elevato per tutte le classi sociali. Anche San Marino ha usufruito di questo scenario di sviluppo economico e di benessere diffuso. Oggi la tendenza a una maggiore uguaglianza dei redditi si è invertita e la disuguaglianza di ricchezza e del reddito sta crescendo rapidamente nei contesti internazionali e locali. Da rilevare che queste disuguaglianze producono effetti negativi sullo sviluppo e sul livello di benessere degli Stati. E’ questo un campo che richiederebbe studi più approfonditi che esulano ora dalla nostra ricerca.
L’auspicio è invece che della povertà se ne parli a San Marino, si studino le modalità di intervento e di superamento, ora che la Repubblica si è dotata di uno strumento di quantificazione dei redditi familiari, con l’istituzione dell’ICEE. (decreto delegato n. 2/2019, indicatore della condizione economica per l’equità).

Prima edizione (2019)
Pagine: 96
ISBN: 88-6086-166-5
Prezzo Edizione cartacea: 15,00€