Collana: Melting Pot

Formato: 13 × 20,5
Pagine: 192
Prima edizione: 1998
ISBN: 88-86051-55-7
Prezzo: € 10,30
Lingua originale: italiano

Dieci storie di donne immigrate narrate da una donna. Vengono dall’Albania, dal Marocco, dal Senegal. “Awa (Eva, la donna) che vive due volte” è sintesi e metafora delle due e molte vite di queste donne. Dal racconto sobrio, che lascia trasparire il parlato, emergono figure definite chiaramente nella complessità delle psicologie e delle esperienze, colte nel loro modificarsi con l’abbandono di usi, costumi, gesti quotidiani. Il semplice ascolto di queste storie riesce a suggerire, attraverso una scrittura apparentemente neutra, parole e silenzi.

L’autrice

Nata a Ravenna nel 1962, Laura Gambi ha maturato un’importante esperienza nei servizi rivolti agli immigrati e si occupa di progetti di promozione culturale. Pubblica nel 1995 I wolof del Senegal. Lingua e cultura (L’Harmattan Italia), poi nel 1998 pubblica con Aiep “Awa che vive due volte . Per il teatro ha curato il volume Griot Fuler dall’omonimo spettacolo di L. Dadina e M. N’Diaye (Guaraldi – Aiep, 1994). Per Pendragon ha pubblicato il romanzo Allora io vado (2016) e il volume, scritto a quattro mani con Laura Orlandini, Delitto d’onore a Ravenna (2019).

Nata a Ravenna nel 1962, Laura Gambi ha maturato un’importante esperienza nei servizi rivolti agli immigrati e si occupa di progetti di promozione culturale. Pubblica nel 1995 I wolof del Senegal. Lingua e cultura (L’Harmattan Italia), poi nel 1998 pubblica con Aiep “Awa che vive due volte . Per il teatro ha curato il volume Griot Fuler dall’omonimo spettacolo di L. Dadina e M. N’Diaye (Guaraldi – Aiep, 1994). Per Pendragon ha pubblicato il romanzo Allora io vado (2016) e il volume, scritto a quattro mani con Laura Orlandini, Delitto d’onore a Ravenna (2019).