Caratteristiche

Collana: Melting Pot
Formato: 13 × 20,5
Pagine: 208
Prima edizione: 1994
ISBN: 88-86051-11-5
Prezzo: € 12,40
Lingua originale: francese
Traduttore: Maria Teresa Palazzolo

Il libro

Le radici della pietra, l’impossibile rinascita. Cousin Samba, eroe antieroe, maledetto dal giorno in cui è venuto al mondo. Cacciato dal suo villaggio in una bidonville della capitale, attraversa le terribili esperienze del potere coloniale e del regime instaurato dopo l’indipendenza in balia di forze incontrollabili che affiorano dal passato e lo travolgono nel presente. Questo grande racconto, metafora ironico e tragico, surreale e grottesco, è narrato dalla voce di un Griot che attraverso le avventure e le sventure dei suoi personaggi leva un canto epico sulla tragedia dell’Africa contemporanea.

L’autore

Tierno Monénembo (pseudonimo di Thierno Saïdou Diallo; Poredaska  21 luglio 1947) è uno scrittore guineano francofono, vincitore del premio Renaudot nel 2008.

Monénembo ha raggiunto la Francia nel 1973 per proseguire i suoi studi. Si è laureato dottore in scienza dopo aver presentato una tesi in biochimica all’università di Lione. Ha poi insegnato in Marocco e in Algeria. Ha ricevuto il Premio Renaudot per il suo Il Re di Kahel nel 2008. Dal 2007, è Visiting Professor al Middlebury College (Vermont, USA).

Pubblica il suo primo romanzo nel 1979. I suoi romanzi parlano spesso dell’impotenza degli intellettuali in Africa, e delle difficoltà di vita degli Africani in esilio in Francia. Ha recentemente dedicato un romanzo ai Fulani e una biografia romanzata a Aimé Olivier de Sanderval, un avventuriero e esploratore francese, ammiratore della loro civiltà e divenuto un “re” fulano. In questo caso, questo scrittore dalla doppia cultura, francese e africana, rivisita la storia coloniale, lontano dalle solite diatribe, per far entrare questo periodo controverso nell’immaginario romanzesco.