Anna Vanzan ci ha fatto leggere l’Iran per capire l’Iran

Anna Vanzan è stata una delle più convinte e capaci divulgatrici della cultura iraniana in lingua italiana.

I suoi libri e le sue traduzioni hanno consentito ai lettori di rendersi conto del pensiero di un intero popolo, soprattutto le donne, che ha aspirazioni moderne e vive fra i confini di una cultura politica limitante.

In questo triste momento vi invitiamo a leggere l’interessante articolo di Farian Sabahi, pubblicato dal Manifesto, intitolato “Perchè l’Iran non può fidarsi dell’Occidente” che indica il lavoro della Vanzan come essenziale per capire come stanno le cose e cambiare anche noi, finalmente, punto di vista.

Qui il link all’articolo

Per la nostra casa editrice ha tradotto un testo fondamentale della cultura iraniana: “Donne senza uomini” di Shahrnush Parsipur

Copertina Donne senza uomini

link al libro

ed anche uno dei pochi testi della letteratura Afgana tradotti in italiano: “Perduti nella fuga” di  Mohammed Asaf Soltanzade

link al libro

 

Anna Vanzan è stata anche una delle più strette e attive collaboratrici della rivista Afriche e Orienti e nel 2016 ha pubblicato con Renata Pepicelli la monografia ” I movimenti delle donne in nord Arica e Medio Oriente”

link al libro

 

Grande Anna, ci mancherai.