Pellegrini a San Marino

Il “segreto” della San Marino delle origini

(Omaggio a San Marino nel 1720° anniversario della Fondazione)

 

Una riflessione attenta e vivace sulle peculiarità che hanno dato origine alla Repubblica di San Marino, l’hanno fatta evolvere nei secoli e ora rischiano di andare perdute.

Due ore di confronto serrato fra i relatori e il pubblico hanno caratterizzato la presentazione della guida “Pellegrini a San Marino” con il contributo fondamentale di Mons. Stefano Ottani, Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Bologna.

Una discussione partita dall’esame delle origini, fra storia e leggenda, per radicarsi poi nella comunità sul monte Titano.

Una storia unica, ma i cui valori corrono forti rischi per il clima che si respira intorno agli elementi dell’attualità, alimentati in particolare dalle divisioni della politica e delle istituzioni, ma anche dovuti a scelte che hanno depotenziato la funzione del centro storico, là dove la comunità è nata, eliminando progressivamente servizi essenziali.

La riflessione quindi sull’essere “Pellegrini a San Marino” porta a capire i difetti, ma propone soluzioni.

È proprio Mons. Ottani che indica un percorso: quello di ri-unire i significati laici dello spazio in cui vigono le regole, con quelli della ricerca di un’identità forte protesa al bene comune.

Nulla di nuovo, si potrebbe dire, dato che proprio questa capacità rappresenta il segreto che ha dato vita alla San Marino delle origini.

Una comunità costruita, secolo dopo secolo, intorno all’idea di un Santo capace di proporre vie tese alla ricerca della verità e della fede, che contemporaneamente si sono materializzate nell’organizzazione di istituzioni democratiche e inclusive.

 

Pubblico e relatori (fra cui l’autore del volume, Gabriele Della Balda e il Segretario alla Cultura, Andrea Belluzzi) non si aspettavano che dalla presentazione di una guida si potessero sviluppare ragionamenti così profondi.

Una vera occasione per rendere omaggio a San Marino nella ricorrenza del suo 1720° compleanno.

 

 

Pellegrini

Link del libro