Successo delle librerie indipendenti, ecco la formula Usa

500 eventi all’anno tesi a rendere la lettura parte integrante della comunità in cui operano. Così le librerie indipendenti degli Stati Uniti hanno affrontato la concorrenza delle grandi catene e della diffusione degli e-book e stanno vincendo. Il livello di specializzazione, che la grande distribuzione non potrà mai permettersi, risulta particolarmente gradito ai lettori che stanno ritornando nel negozio in cui ascoltare il consiglio del libraio, ma anche partecipare attivamente a incontri con gli autori o essere protagonisti di gruppi di lettura. La libreria torna ad essere strumento della diffusione culturale non limitandosi alla semplice vendita dell’oggetto libro. La creatività dei giovani librai americani che si affacciano alla professione fa la differenza sopratutto perché sono entrati in rapporto con gli over 50 che possono trasmettergli la loro vasta esperienza acquisita sul campo prima dello sconvolgimento del mercato. Obiettivo: sviluppare, mettendo in atto una vasta gamma di iniziative volte a promuovere l’alfabetizzazione e la lettura (in particolar modo tra i giovani), e costruire un’immagine accattivante dell’oggetto libro nell’immaginario collettivo, e cercare di rendere i libri, la cultura e la lettura parte integrante del dibattito nazionale.

per approfondire l’argomento leggi I segreti del successo delle librerie indipendenti americane. Intervista a Michael Reynolds